Si comunica che il Ministero dello Sviluppo Economico ha incrementato la dotazione finanziaria iniziale del Bando Marchi+3. Pertanto, sono riaperti i termini per l’attribuzione del numero di protocollo. Il form per l'assegnazione del protocollo online sarà attivo a partire dalle ore 9:00 dell’11 dicembre 2018 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili. (G.U.R.I. n. 281 del 03-12-2018).

FAQ

Aggiornato al: 19.02.2018

"Marchi+3" - Bando per la concessione di agevolazioni alle imprese per favorire la registrazione di marchi comunitari e internazionali – Marchi+2

(Gazzetta Ufficiale - Serie Generale - n.285 del 6 Dicembre 2017)

  1. DOVE E’ POSSIBILE TROVARE LE INFORMAZIONI RELATIVE AL BANDO?
  2. QUAL È LA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL BANDO NELLA GAZZETTA UFFICIALE?
  3. QUANDO SARÀ DISPONIBILE IL FORM ONLINE PER L’ATTRIBUZIONE DEL NUMERO DI PROTOCOLLO?
  4. IL PROTOCOLLO VIENE ASSEGNATO ISTANTANEAMENTE, CIOÈ AL TERMINE DELL’INSERIMENTO DEI DATI SUL FORM ON LINE, OPPURE OCCORRE ATTENDERE COMUNICAZIONE DA PARTE DI UNIONCAMERE VIA PEC?
  5. QUANDO SCADONO I TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI?
  6. IL TERMINE DI "5 GIORNI DALLA DATA DI ASSEGNAZIONE DEL PROTOCOLLO" STABILITO DAL BANDO MARCHI+3 PER L’INVIO DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE, DEVE ESSERE CALCOLATO A PARTIRE DAL GIORNO DI ASSEGNAZIONE DEL PROTOCOLLO, OPPURE DAL GIORNO SUCCESSIVO ?
  7. LA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE DEVE ESSERE FIRMATA DIGITALMENTE O È SUFFICIENTE LA FIRMA SUL CARTACEO E POI INVIARVI LA SCANSIONE?
  8. IN CASO DI TRASMISSIONE DELLA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE DALL’INDIRIZZO PEC DI UN PROCURATORE SPECIALE, COSA OCCORRE ALLEGARE?
  9. QUALI SONO I BENEFICIARI DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL BANDO?
  10. PUÒ PRESENTARE DOMANDA A VALERE SUL BANDO MARCHI+3 ANCHE UN LIBERO PROFESSIONISTA?
  11. PUÒ ACCEDERE AL BANDO UN’IMPRESA INDIVIDUALE?
  12. TRA I BENEFICIARI DEL BANDO SONO INCLUSI ANCHE GLI STUDI ASSOCIATI?
  13. LE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL BANDO SI RIFERISCONO ANCHE AI BREVETTI ?
  14. PUO’ UN’IMPRESA PRESENTARE PIÙ DI UNA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE?
  15. AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA MISURA A E PER LA MISURA B È SUFFICIENTE AVER EFFETTUATO IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DEL MARCHIO PRESSO EUIPO E PRESSO OMPI (CON PAGAMENTO DELLE RELATIVE TASSE) OPPURE È NECESSARIO AVERE GIÀ OTTENUTO ANCHE LA PUBBLICAZIONE DELLA DOMANDA SUL BOLLETTINO DELL’EUIPO PER LA MISURA A E/O SUL REGISTRO INTERNAZIONALE DELL’OMPI PER LA MISURA B?
  16. AI FINI DELL’AMMISSIBILITÀ A CONTRIBUTO TUTTE LE SPESE DOVRANNO ESSERE SOSTENUTE NEL PERIODO COMPRESO TRA IL 1° GIUGNO 2016 E LA DATA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE, È CORRETTO?
  17. NEL CASO DI UN’IMPRESA CHE DEVE EFFETTUARE UNA REGISTRAZIONE PER 3 MARCHI SIA ALL’EUIPO CHE ALL’OMPI (PER USA E CINA), E’ NECESSARIO PRESENTARE LE SPESE RELATIVE AI TRE MARCHI ALL’INTERNO DI UNA SOLA DOMANDA OPPURE SI DEVONO PRESENTARE TRE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE, UNA PER CIASCUN MARCHIO?
  18. LE AGEVOLAZIONI POSSONO ESSERE OTTENUTE ANCHE PER SINGOLI DEPOSITI NAZIONALI ESTERI O SONO PREVISTE SOLO ATTRAVERSO IL MARCHIO INTERNAZIONALE?
  19. È POSSIBILE RICHIEDERE L’AGEVOLAZIONE SOLO PER LE TASSE EUIPO E/O OMPI SENZA RICHIEDERE L’AGEVOLAZIONE ANCHE PER ALTRI SERVIZI?
  20. SONO AMMISSIBILI I COSTI SOSTENUTI PER LA REGISTRAZIONE DEL MARCHIO A LIVELLO NAZIONALE PRESSO UIBM, PROPEDEUTICA ALLA REGISTRAZIONE PRESSO OMPI?
  21. UN’IMPRESA CHE HA GIÀ REGISTRATO IL MARCHIO A LIVELLO NAZIONALE PUÒ CHIEDERE L’AGEVOLAZIONE PER L’ESTENSIONE IN PAESI NON ADERENTI AL PROTOCOLLO DI MADRID?
  22. E’ POSSIBILE OTTENERE L’AGEVOLAZIONE PREVISTA DAL BANDO PER L’ISCRIZIONE E LA TUTELA DI UN MARCHIO NEGLI EMIRATI ARABI?
  23. POSSONO RIENTRARE TRA LE AGEVOLAZIONE ANCHE LE SPESE SOSTENUTE PER IL RINNOVO DI UN MARCHIO ALL’ESTERO?
  24. SONO AMMISSIBILI LE SPESE PER LA PROGETTAZIONE DEL MARCHIO RELATIVE AD UN MARCHIO NAZIONALE GIA’ REGISTRATO PER IL QUALE SI PROCEDE CON IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE PRESSO EUIPO?
  25. E’ POSSIBILE ACCEDERE ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL BANDO NEL CASO DI UN MARCHIO EUIPO GIA’ DEPOSITATO IN DATA ANTECEDENTE IL 1 GIUGNO 2016 PER IL QUALE SI INTENDE PROCEDERE AD UNA NUOVA REGISTRAZIONE PER UN AMPLIAMENTO DELLE CLASSI?
  26. RIGUARDO ALLA REGISTRAZIONE DI MARCHI INTERNAZIONALI PRESSO OMPI (MISURA B), COSA SI INTENDE PER “TASSE SOSTENUTE PRESSO UIBM O EUIPO PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE”?
  27. TRA LE SPESE AMMISSIBILI POSSONO ESSERE ANNOVERATE ANCHE LE SPESE DEL PERSONALE INTERNO SE LA PROGETTAZIONE DEL MARCHIO È AVVENUTA INTERNAMENTE ALL’AZIENDA?
  28. E' INDISPENSABILE, AI FINI DELLA CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO, CHE VENGA EFFETTUATA LA RICERCA DI ANTERIORITÀ?
  29. PER UNO STESSO MARCHIO E’ POSSIBILE RICHIEDERE AGEVOLAZIONI SIA PER LA RICERCA DI ANTERIORITA’ TRA I MARCHI ITALIANI, DELL’UNIONE EUROPEA E INTERNAZIONALI ESTESI ALL’ITALIA, SIA PER LA RICERCA DI ANTERIORITA’ UE (28 PAESI)?
  30. AI FINI DELL’AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE, CHI PUÒ REALIZZARE L’ATTIVITÀ DI ASSISTENZA LEGALE PER AZIONI DI TUTELA DEL MARCHIO IN RISPOSTA AD OPPOSIZIONI/RILIEVI SEGUENTI AL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE?
  31. PER UN MARCHIO DEPOSITATO PRIMA DEL 1° GIUGNO 2016, È POSSIBILE PRESENTARE UNA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SOLO PER LE SPESE DI ASSISTENZA LEGALE PER AZIONI DI TUTELA, SOSTENUTE SUCCESSIVAMENTE AL 1° GIUGNO 2016, A SEGUITO DI UN’OPPOSIZIONE AL SUDDETTO MARCHIO?
  32. CON RIFERIMENTO ALLA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLE SPESE SOSTENUTE, COSA DEVE ESSERE ALLEGATO?
  33. RELATIVAMENTE ALLA DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE PER RICHIEDERE L’AGEVOLAZIONE VI SONO ALCUNE “DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI ATTO NOTORIO”. SONO DISPONIBILI FAC-SIMILE DA UTILIZZARE?
  34. LE SPESE DI TUTTI I SERVIZI SPECIALISTICI DEVONO NECESSARIAMENTE ESSERE FATTURATE DIRETTAMENTE ALL’AZIENDA CHE RICHIEDE IL CONTRIBUTO?
  35. QUAL È L’ENTITA’ DELL’AGEVOLAZIONE DI CUI SI PUO’ USUFRUIRE?
  36. NEL CASO IN CUI IL MARCHIO PER IL QUALE SI CHIEDE l’AGEVOLAZIONE SIA STATO DEPOSITATO DA UNA PLURALITA’ DI TITOLARI, QUALE DOMANDA VA PRESENTATA?
  37. ALLA DOMANDA VA ALLEGATO IL MODELLO DI TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI FINANZIARI?
  38. CON QUALI MODALITA’ E’ CONCESSO IL CONTRIBUTO?
  39. NELLA DEFINIZIONE DE MINIMIS, PER DATA DI CONCESSIONE SI DEVE INTENDERE QUELLA IN CUI IL CONTRIBUTO È STATO DELIBERATO/APPROVATO O QUELLA IN CUI È STATO EFFETTIVAMENTE EROGATO?
  40. COSA SI INTENDE PER “IMPRESA UNICA”?

 

1. DOVE E’ POSSIBILE TROVARE LE INFORMAZIONI RELATIVE AL BANDO?
Collegandosi al sito www.marchipiu3.it è possibile trovare tutte le informazioni relative al Bando Marchi+3 e alle modalità e procedure per la presentazione della domanda di agevolazione.

Torna all'indice

2. QUAL È LA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL BANDO NELLA GAZZETTA UFFICIALE?
Il comunicato relativo al "Bando per la concessione di agevolazioni alle imprese per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea e internazionali – Marchi+3" è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - Serie Generale - n. 285 del 6 dicembre 2017..

Torna all'indice

3. QUANDO SARÀ DISPONIBILE IL FORM ONLINE PER L’ATTRIBUZIONE DEL NUMERO DI PROTOCOLLO?
Il form on line per l’attribuzione del numero di protocollo sarà disponibile a partire dalle ore 9:00 del 7 marzo 2018. Prima di quella data non sarà possibile precompilarlo.

Torna all'indice

4. IL PROTOCOLLO VIENE ASSEGNATO ISTANTANEAMENTE, CIOÈ AL TERMINE DELL’INSERIMENTO DEI DATI SUL FORM ON LINE, OPPURE OCCORRE ATTENDERE COMUNICAZIONE DA PARTE DI UNIONCAMERE VIA PEC?
Il numero di protocollo sarà assegnato istantaneamente al completamento della compilazione del form on line. Seguirà, inoltre, comunicazione all’indirizzo e-mail indicato nello stesso form.

Torna all'indice

5. QUANDO SCADONO I TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI?
Non è prevista una data di scadenza del Bando Marchi+3. Le risorse saranno assegnate sino ad esaurimento delle stesse (punti 8.1 e 9 del bando).

Torna all'indice

6. IL TERMINE DI "5 GIORNI DALLA DATA DI ASSEGNAZIONE DEL PROTOCOLLO" STABILITO DAL BANDO MARCHI+3 PER L’INVIO DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE, DEVE ESSERE CALCOLATO A PARTIRE DAL GIORNO DI ASSEGNAZIONE DEL PROTOCOLLO, OPPURE DAL GIORNO SUCCESSIVO ?
Come previsto dal punto 8.1 del bando (cfr nota 1), i 5 giorni dalla data di assegnazione del protocollo on line per l’invio della domanda di agevolazione vanno calcolati a partire dal giorno successivo a quello di assegnazione del protocollo. Se il 5° giorno utile per l’invio della domanda di agevolazione cade nei giorni di sabato o festivi, tale termine si intende prorogato al primo giorno lavorativo successivo.

Torna all'indice

7. LA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE DEVE ESSERE FIRMATA DIGITALMENTE O È SUFFICIENTE LA FIRMA SUL CARTACEO E POI INVIARVI LA SCANSIONE?
La domanda e gli allegati da trasmettere in PDF non richiedono la firma digitale.

Torna all'indice

8. IN CASO DI TRASMISSIONE DELLA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE DALL’INDIRIZZO PEC DI UN PROCURATORE SPECIALE, COSA OCCORRE ALLEGARE?
Come previsto dal punto 8.2 del bando, in caso di trasmissione della domanda di agevolazione dall’indirizzo PEC di un procuratore speciale, è indispensabile allegare la procura speciale come da modello allegato al Bando (Allegato 4), unitamente alla copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità del procuratore speciale.

 

Torna all'indice

9. QUALI SONO I BENEFICIARI DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL BANDO?
Come previsto dal punto 4 del bando, sono ammesse alle agevolazioni le imprese che, alla data di presentazione della domanda, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere una dimensione di micro, piccola o media impresa, così come definita dalla Raccomandazione 2003/361/CE del 6 maggio 2003, recepita dal Decreto del Ministro delle Attività Produttive del 18 aprile 2005 e s.m.i.;
  • avere sede legale e operativa in Italia;
  • essere regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle Imprese, attive e in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
  • non avere nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 della vigente normativa antimafia (D. Lgs. n. 159/2011 e s.m.i.);
  • essere titolari del/i marchio/i oggetto della domanda di agevolazione;
  • avere ottenuto nei termini e modalità di cui ai punti 6 e 7 del bando, per il/i marchio/i oggetto della domanda di agevolazione, la pubblicazione della domanda di registrazione sul Bollettino dell’EUIPO per la misura A e/o sul registro internazionale dell’OMPI (Romarin, oggi Madrid Monitor) per la Misura B e di aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di deposito.

Torna all'indice

10. PUÒ PRESENTARE DOMANDA A VALERE SUL BANDO MARCHI+3 ANCHE UN LIBERO PROFESSIONISTA?
Sono ammesse alle agevolazioni di cui al Bando Marchi+3 le imprese in possesso dei requisiti di cui al punto 4 del bando stesso. Pertanto i liberi professionisti non rientrano tra i soggetti beneficiari delle agevolazioni.

Torna all'indice

11. PUÒ ACCEDERE AL BANDO UN’IMPRESA INDIVIDUALE?
Sì, l’impresa individuale è ammessa alle agevolazioni previste dal Bando, purché in possesso di tutti i requisiti previsti dal punto 4 del Bando stesso.

Torna all'indice

12. TRA I BENEFICIARI DEL BANDO SONO INCLUSI ANCHE GLI STUDI ASSOCIATI?
Sono ammesse alle agevolazioni di cui al Bando Marchi+3 le imprese in possesso dei requisiti di cui al punto 4 del bando stesso. Le associazioni tra professionisti non sono ammesse alle agevolazioni previste dal Bando.

Torna all'indice

13. LE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL BANDO SI RIFERISCONO ANCHE AI BREVETTI?
No, il bando non riguarda agevolazioni per brevetti.

Torna all'indice

14. PUO’ UN’IMPRESA PRESENTARE PIÙ DI UNA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE?
Sì, in base a quanto previsto al punto 7.2 del bando "Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino al raggiungimento del valore complessivo di € 20.000,00”, nel rispetto dell’importo massimo previsto per singolo marchio e per tipologia di servizio.

Torna all'indice

15. AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER LA MISURA A E PER LA MISURA B È SUFFICIENTE AVER EFFETTUATO IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DEL MARCHIO PRESSO EUIPO E PRESSO OMPI (CON PAGAMENTO DELLE RELATIVE TASSE) OPPURE È NECESSARIO AVERE GIÀ OTTENUTO ANCHE LA PUBBLICAZIONE DELLA DOMANDA SUL BOLLETTINO DELL’EUIPO PER LA MISURA A E/O SUL REGISTRO INTERNAZIONALE DELL’OMPI PER LA MISURA B?
Come previsto dal punto 4 del bando, alla data di presentazione della domanda di agevolazione è necessario avere già ottenuto la pubblicazione della domanda di registrazione del marchio sul Bollettino dell’EUIPO per la misura A e/o sul registro internazionale dell’OMPI (Romarin, oggi Madrid Monitor) per la Misura B.

Torna all'indice

16. AI FINI DELL’AMMISSIBILITÀ A CONTRIBUTO TUTTE LE SPESE DOVRANNO ESSERE SOSTENUTE NEL PERIODO COMPRESO TRA IL 1° GIUGNO 2016 E LA DATA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE, È CORRETTO?
Sì, è corretto. Come previsto dal punto 7.1 del bando, ai fini dell’ammissibilità tutte le spese (comprese le tasse sostenute presso UIBM o EUIPO e presso OMPI per la registrazione internazionale) devono essere sostenute a decorrere dal 1° giugno 2016 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione.

Torna all'indice

17. NEL CASO DI UN’IMPRESA CHE DEVE EFFETTUARE UNA REGISTRAZIONE PER 3 MARCHI SIA ALL’EUIPO CHE ALL’OMPI (PER USA E CINA), E’ NECESSARIO PRESENTARE LE SPESE RELATIVE AI TRE MARCHI ALL’INTERNO DI UNA SOLA DOMANDA OPPURE SI DEVONO PRESENTARE TRE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE, UNA PER CIASCUN MARCHIO?
E’ possibile presentare un’unica domanda di agevolazione richiedendo l’assegnazione di un unico protocollo on line. In tal caso, la domanda (allegato 1/2) deve essere accompagnata da tanti allegati (3A per la Misura A o 3B per la Misura B) quanti sono i marchi per cui si chiede l’agevolazione; inoltre, l’importo da indicare nell’allegato 1/2 è l’importo complessivo delle spese richieste a rimborso.

Torna all'indice

18. LE AGEVOLAZIONI POSSONO ESSERE OTTENUTE ANCHE PER SINGOLI DEPOSITI NAZIONALI ESTERI O SONO PREVISTE SOLO ATTRAVERSO IL MARCHIO INTERNAZIONALE?
Le agevolazioni previste nel Bando Marchi+3 mirano a supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero. Le misure agevolative riguardano: MISURA A – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO attraverso l’acquisto di servizi specialistici e la MISURA B – Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI attraverso l’acquisto di servizi specialistici.

Nel bando non sono previste agevolazioni per le spese sostenute per depositi esteri presso gli uffici dei singoli paesi.

Torna all'indice

19. È POSSIBILE RICHIEDERE L’AGEVOLAZIONE SOLO PER LE TASSE EUIPO E/O OMPI SENZA RICHIEDERE L’AGEVOLAZIONE ANCHE PER ALTRI SERVIZI?
Sì, è possibile richiedere l’agevolazione solo per le tasse EUIPO e/o OMPI.

Torna all'indice

20. SONO AMMISSIBILI I COSTI SOSTENUTI PER LA REGISTRAZIONE DEL MARCHIO A LIVELLO NAZIONALE PRESSO UIBM, PROPEDEUTICA ALLA REGISTRAZIONE PRESSO OMPI?
No, non sono ammissibili. Il bando prevede le agevolazioni solo per la registrazione di marchi dell’Unione Europea e internazionali.

Torna all'indice

21. UN’IMPRESA CHE HA GIÀ REGISTRATO IL MARCHIO A LIVELLO NAZIONALE PUÒ CHIEDERE L’AGEVOLAZIONE PER L’ESTENSIONE IN PAESI NON ADERENTI AL PROTOCOLLO DI MADRID?
No, non è possibile depositare presso l’OMPI domande di marchio internazionale nei paesi che non aderiscono al sistema di Madrid e, conseguentemente, non è possibile richiedere le agevolazioni previste dal bando per tali marchi.

Torna all'indice

22. E’ POSSIBILE OTTENERE L’AGEVOLAZIONE PREVISTA DAL BANDO PER L’ISCRIZIONE E LA TUTELA DI UN MARCHIO NEGLI EMIRATI ARABI?
No, non è possibile ottenere l’agevolazione in quanto gli Emirati Arabi non aderiscono al Sistema di Madrid che regola la registrazioni dei Marchi internazionali da effettuarsi presso l’OMPI.

Per registrare un Marchio negli Emirati Arabi è dunque necessario depositare la domanda presso il competente Ufficio. Tale tipologia di registrazione non è oggetto delle agevolazioni previste dal bando.

Torna all'indice

23. POSSONO RIENTRARE TRA LE AGEVOLAZIONE ANCHE LE SPESE SOSTENUTE PER IL RINNOVO DI UN MARCHIO ALL’ESTERO?
No, le agevolazioni previste dal bando non riguardano le spese per il rinnovo del marchio.

Torna all'indice

24. SONO AMMISSIBILI LE SPESE PER LA PROGETTAZIONE DEL MARCHIO RELATIVE AD UN MARCHIO NAZIONALE GIA’ REGISTRATO PER IL QUALE SI PROCEDE CON IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE PRESSO EUIPO?
No, non sono ammissibili agevolazioni per le spese relative alla progettazione del nuovo marchio relative ad un marchio registrato a livello nazionale per il quale si procede con il deposito domanda di registrazione presso EUIPO.

Torna all'indice

25. E’ POSSIBILE ACCEDERE ALLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL BANDO NEL CASO DI UN MARCHIO EUIPO GIA’ DEPOSITATO IN DATA ANTECEDENTE IL 1 GIUGNO 2016 PER IL QUALE SI INTENDE PROCEDERE AD UNA NUOVA REGISTRAZIONE PER UN AMPLIAMENTO DELLE CLASSI?
Sì, è possibile presentare domanda di agevolazione a valere sul Bando dopo avere proceduto a depositare presso EUIPO una nuova domanda, per lo stesso marchio, includendo le classi aggiuntive. Si precisa che, ai fini dell’ammissibilità, tutte le spese (comprese le tasse) devono essere sostenute a decorrere dal 1° giugno 2016 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione. Inoltre, come previsto al punto 6 del Bando, la domanda di agevolazione deve essere corredata, tra gli altri documenti, della copia della pubblicazione della domanda di registrazione del marchio sul Bollettino dell’EUIPO, incluse le classi aggiuntive.

Torna all'indice

26. RIGUARDO ALLA REGISTRAZIONE DI MARCHI INTERNAZIONALI PRESSO OMPI (MISURA B), COSA SI INTENDE PER “TASSE SOSTENUTE PRESSO UIBM O EUIPO PER LA REGISTRAZIONE INTERNAZIONALE”?
Con riferimento alla registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Misura B), l’impresa può richiedere l’agevolazione per le Tasse sostenute presso UIBM o EUIPO per la registrazione internazionale. Al riguardo per:

  • “tasse sostenute presso UIBM” si fa riferimento alle tasse di concessione governativa per la domanda di registrazione di marchio internazionale pagate sul conto corrente postale dell’Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara (€ 135 o € 169 – in presenza di lettera di incarico al consulente in PI);
  • “tasse sostenute presso EUIPO” si fa riferimento alle tasse di trasmissione (€ 300).

Torna all'indice

27. TRA LE SPESE AMMISSIBILI POSSONO ESSERE ANNOVERATE ANCHE LE SPESE DEL PERSONALE INTERNO SE LA PROGETTAZIONE DEL MARCHIO È AVVENUTA INTERNAMENTE ALL’AZIENDA?
No, non possono essere richieste agevolazioni per le spese relative alla progettazione del nuovo marchio se quest’ultima è stata effettuata con il ricorso a personale interno all’azienda. La progettazione del marchio (ideazione elemento verbale – ad esclusione dell’ideazione di un elemento verbale coincidente con la denominazione dell’impresa stessa – e/o progettazione elemento grafico) – ai sensi del punto 7 - deve essere effettuata da un professionista grafico titolare di partita IVA relativa all’attività in oggetto o da un’azienda di progettazione grafica/comunicazione.

Torna all'indice

28. E’ OBBLIGATORIO, AI FINI DELLA CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO, CHE VENGA EFFETTUATA LA RICERCA DI ANTERIORITÀ?
No, l’effettuazione della ricerca di anteriorità non è obbligatoria per accedere alle agevolazioni del bando, anche se consigliata. Si tratta solitamente di un’attività prodromica al deposito di una domanda di registrazione in quanto volta a verificare la similitudine tra il marchio che si intende registrare e marchi identici o simili già registrati.

Torna all'indice

29. PER UNO STESSO MARCHIO E’ POSSIBILE RICHIEDERE AGEVOLAZIONI SIA PER LA RICERCA DI ANTERIORITA’ TRA I MARCHI ITALIANI, DELL’UNIONE EUROPEA E INTERNAZIONALI ESTESI ALL’ITALIA, SIA PER LA RICERCA DI ANTERIORITA’ UE (28 PAESI)?
Ai sensi del punto 7.2 del bando per uno stesso marchio i servizi di ricerca sono tra loro alternativi; pertanto non è possibile richiedere agevolazioni per entrambe le tipologie di ricerca.

Torna all'indice

30. AI FINI DELL’AMMISSIBILITÀ DELLE SPESE, CHI PUÒ REALIZZARE L’ATTIVITÀ DI ASSISTENZA LEGALE PER AZIONI DI TUTELA DEL MARCHIO IN RISPOSTA AD OPPOSIZIONI/RILIEVI SEGUENTI AL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE?
Il servizio di assistenza legale, di cui al punto 7 - lettera d), deve essere fornito da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati.

Torna all'indice

31. PER UN MARCHIO DEPOSITATO PRIMA DEL 1° GIUGNO 2016, È POSSIBILE PRESENTARE UNA DOMANDA DI AGEVOLAZIONE SOLO PER LE SPESE DI ASSISTENZA LEGALE PER AZIONI DI TUTELA, SOSTENUTE SUCCESSIVAMENTE AL 1° GIUGNO 2016, A SEGUITO DI UN’OPPOSIZIONE AL SUDDETTO MARCHIO?
No, le spese relative al servizio di assistenza legale per azioni di tutela del marchio sono ammissibili se relative a marchi depositati dopo il 1° giugno 2016 in quanto, come previsto al punto 6 del bando, per accedere alle agevolazioni previste dal Bando è obbligatorio avere effettuato il deposito della domanda di registrazione del marchio per il quale si richiede l’agevolazione e avere assolto il pagamento delle tasse e sostenuto le spese (comprese le tasse di deposito) a decorrere dal 1° giugno 2016 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione.

Torna all'indice

32. CON RIFERIMENTO ALLA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLE SPESE SOSTENUTE, COSA DEVE ESSERE ALLEGATO?
Come previsto dal punto 8.2.2 del bando, devono essere allegate:

  • copia delle fatture quietanzate in cui deve essere riportata la firma di quietanza del fornitore e la descrizione dei servizi specialistici in conformità alle tipologie di servizi richiesti (punto 7.1 del bando);
  • attestazione di pagamento (rilasciata dall’istituto di credito che ha effettuato il bonifico bancario o postale o RIBA) delle spese sostenute e da cui si evinca – a pena della non ammissibilità della spesa - l’avvenuto pagamento della spesa, l’importo e il nominativo del ricevente;
  • attestazione di versamento della ritenuta di acconto mediante F24 con codice tributo 1040 relativa al professionista che ha svolto il servizio. In caso di pagamento cumulativo è necessario allegare un prospetto analitico – firmato dal legale rappresentante – che dettagli la composizione del pagamento stesso.

Torna all'indice

33. RELATIVAMENTE ALLA DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE PER RICHIEDERE L’AGEVOLAZIONE VI SONO ALCUNE “DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI ATTO NOTORIO”. SONO DISPONIBILI FAC-SIMILE DA UTILIZZARE?
Come previsto dal punto 8.2 del bando, la domanda di partecipazione al Bando - redatta secondo i modelli allegati (Allegati 1 e 2) costituisce una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi degli articoli 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. I modelli di domanda già contengono tutte le dichiarazioni previste dal Bando, da rendere ai sensi del suddetto decreto; essi dovranno essere inviati corredati di tutti i relativi allegati in essi richiesti e dal documento di identità in corso di validità del legale rappresentante dell’impresa richiedente.

I modelli di domanda (Allegati 1 e 2) sono scaricabili in formato Word dal sito di progetto www.marchi+3.it.

Torna all'indice

34. LE SPESE DI TUTTI I SERVIZI SPECIALISTICI DEVONO NECESSARIAMENTE ESSERE FATTURATE DIRETTAMENTE ALL’AZIENDA CHE RICHIEDE IL CONTRIBUTO?
Tutte le spese sostenute dall’impresa richiedente l’agevolazione devono essere ad essa direttamente fatturate. Inoltre, in ossequio ai criteri di trasparenza e tracciabilità delle agevolazioni rese con i fondi pubblici, deve esserci piena identità tra il soggetto che ha svolto la prestazione professionale ed il soggetto che emette fattura per il servizio agevolato destinatario del pagamento da parte dell’impresa.

Torna all'indice

35. QUAL È L’ENTITA’ DELL’AGEVOLAZIONE DI CUI SI PUO’ USUFRUIRE?
Come previsto al punto 7.2 del bando, l’agevolazione è concessa fino all’80% (90% per USA o CINA) delle spese ammissibili sostenute e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio di cui al punto 7.1. secondo il “Quadro servizi e importo massimo dell’agevolazione”.

Torna all'indice

36. NEL CASO IN CUI IL MARCHIO PER IL QUALE SI CHIEDE l’AGEVOLAZIONE SIA STATO DEPOSITATO DA UNA PLURALITA’ DI TITOLARI, QUALE DOMANDA VA PRESENTATA?
Ai sensi del punto 8 del bando, la domanda di agevolazione dovrà essere presentata congiuntamente dai medesimi titolari e redatta secondo l’apposito modello (Allegato2).

Torna all'indice

37. ALLA DOMANDA VA ALLEGATO IL MODELLO DI TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI FINANZIARI?
Alla domanda di agevolazione va allegato un “Modello di tracciabilità dei flussi finanziari” sia con riferimento ai conti correnti utilizzati per le spese sostenute relative ai servizi oggetto della domanda sia con riferimento al conto corrente sul quale si chiede di accreditare l’eventuale agevolazione.

Torna all'indice

38. CON QUALI MODALITA’ E’ CONCESSO IL CONTRIBUTO?
Le agevolazioni saranno concesse nella forma di contributo in conto capitale in misura massima pari all’80% delle spese. Le agevolazioni saranno concesse ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407 del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti de minimis (pubblicato in G.U.U.E. L 352 del 24 dicembre 2013), in base al quale l’importo complessivo degli aiuti de minimis accordati ad un’impresa non può superare 200.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari (100.000 per le imprese operanti nel settore del trasporto di merci su strada per conto terzi). Le imprese dovranno rilasciare apposita dichiarazione in merito.

Torna all'indice

39. NELLA DEFINIZIONE DE MINIMIS, PER DATA DI CONCESSIONE SI DEVE INTENDERE QUELLA IN CUI IL CONTRIBUTO È STATO DELIBERATO/APPROVATO O QUELLA IN CUI È STATO EFFETTIVAMENTE EROGATO?
Ai sensi dell’art. 3, par. 4 del regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”, questi sono considerati concessi nel momento in cui all’impresa è accordato il diritto di ricevere gli aiuti, indipendentemente dalla data di erogazione degli stessi.

La concessione degli aiuti “de minimis” coincide pertanto con l’adozione, da parte dell’amministrazione concedente, del provvedimento giuridicamente vincolante che attribuisce al singolo beneficiario il diritto a ricevere l’aiuto. Tale momento è l’unico rilevante ai fini dell’assegnazione degli aiuti, mentre non rilevano la presentazione della domanda da parte dell’impresa, né l’erogazione effettiva dell’aiuto o la data di liquidazione.

Torna all'indice

40. COSA SI INTENDE PER “IMPRESA UNICA”?
I regolamenti “de minimis” attualmente vigenti (ad eccezione del regolamento 360/2012, adottato prima che si facesse strada il concetto di impresa unica) hanno innovato rispetto al passato, prevedendo che il massimale triennale che costituisce il tetto degli aiuti che possono essere concessi ad un singolo beneficiario venga calcolato non con riferimento al soggetto giuridico cui l’aiuto viene concesso, ma sull’insieme dei soggetti che costituiscono quella che è stata definita “impresa unica”. Questo concetto delimita l’insieme appunto delle imprese ubicate nello stesso Stato membro legate da un rapporto di controllo. Tale rapporto è definito con riferimento ad alcuni dei criteri (ma non a tutti) utilizzati dalla definizione di PMI per stabilire la dimensione delle imprese. In sintesi, costituiscono impresa unica le imprese delle quali:

  • una detiene la maggioranza dei diritti di voto dell’altra;
  • una ha diritto di nominare o revocare la maggioranza dei membri del consiglio d’amministrazione, direzione o sorveglianza dell’altra;
  • una ha il diritto di esercitare un’influenza dominante sull’altra in virtù di un contratto o di una clausola contenuta nello statuto della seconda;
  • una, che sia azionista o socia dell’altra, controlla da sola, in virtù di un accordo stipulato con altri azionisti o soci della seconda, la maggioranza dei diritti di voto di questa.

Torna all'indice

 

 

Data di pubblicazione 06/12/2017 00:00
Ultimo aggiornamento 22/02/2018 08:46

Questo sito utilizza cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consultate la privacy policy del sito.

X